All’invito rivolto ad Amaia Hervás a partecipare alla tavola rotonda sulle evidenze scientifiche nelle diagnosi e nei trattamenti in adolescenza e in età adulta, che abbiamo pianificato per il Forum Internazionale sull’ autismo il 7 aprile prossimo, la psichiatra Hervás ha risposto con la mail che pubblichiamo in questo Quaderno.

Amaia Hervás è Dirigente psichiatra dell’unità di salute mentale dell’infanzia e dell’adolescenza dell’Hospital Universitario Mutua di Terrassa (Barcellona), ed è attualmente responsabile della formazione di professionisti dei Centri di salute mentale per bambini e adolescenti e dei Centri sullo sviluppo e l’attenzione precoce della Catalogna per i test diagnostici per l’autismo.

La sua difesa di questi test per l’infanzia si basa su un’idea circa le cause dell’autismo e da questo vengono proposti metodi cognitivo-comportamentali per il trattamento dei bambini con autismo …

Ma non sappiamo quale sia la loro proposta per l’adolescenza e l’età adulta, specialmente per quei casi che non rispondono all’applicazione delle tecniche di rieducazione. Nella sua risposta, il suo invito al dialogo tra professionisti di diversi approcci all’autismo ci permette di sperare in altre occasioni in cui conversare con lei di questi problemi.

Come trattare in ciascun soggetto autistico ciò che resiste a tutti gli interventi rivolti dai professionisti che gli si rivolgono? Le politiche che cercano di regolare modelli educativi, sanitari e sociali, in alcuni paesi, spesso tendono, come sul tema sull’autismo, a trasformarsi in leggi, senza aver affrontato prima un rigoroso dibattito tra professionisti. Ma in aggiunta, la ricerca scientifica sull’eziologia serve spesso come alibi per evitare dibattiti e complessità.

Ecco perché abbiamo invitato Antoni Dedeu, direttore di AQuAS, l’agenzia di valutazione della qualità e della salute della Catalunya, che ha gentilmente accettato il nostro invito e parteciperà alla tavola rotonda sulle prove scientifiche nella ricerca sull’autismo. È infatti questa agenzia, che ha pubblicato nel 2010 un rapporto sulle “Conoscenze scientifiche sull’individuazione, la diagnosi e il trattamento del Disturbo dello Spettro Autistico” e che ha concluso quanto segue: “Le prove scientifiche dei diversi interventi non farmacologici sono scarse in termini di efficacia/efficacia/sicurezza. C’è una grande varietà di interventi, alcuni dei quali hanno dimostrato efficacia in alcune sintomatologie. Tuttavia, non ci sono prove scientifiche sufficienti per dimostrare la loro efficacia. ” Sette anni dopo, il Dipartimento della Salute della Generalitat de Catalunya ha richiesto un nuovo rapporto a questa agenzia (AQuAS) per verificare se oggi sono disponibili ulteriori prove scientifiche. Converseremo con il Sig. Dedeu su questo tema dopo averlo ringraziato per la sua generosità nel conversare con noi sulle “prove scientifiche” ben note, un’espressione usata nella battaglia sull’autismo in più paesi, che non sempre onora la scienza seria che ci attendiamo.

A %d blogueros les gusta esto: